Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Espressioni abusate... come se non ci fosse un domani

Espressioni abusate... come se non ci fosse un domani

563-espressioni-abusate (41K)

Ci sono espressioni che si appiccicano facilmente al nostro parlare, danno fastidio e liberarsene è difficile. Non ci sono solo piuttosto che usato erroneamente con valore disgiuntivo, qual è con l'apostrofo, po' scritto con l'accento e la settimana prossima detto alla milanese senza l'articolo. Ne propongo alcune.

Detto questo

Ne ho già parlato qui. Non è abbastanza. Se, per esempio, nel talk show cancellassimo tutti i detto questo la TV guadagnerebbe almeno una mezz'ora di tempo in più per un breve documentario sulla natura. Fateci caso a quante volte ripetono detto questo alla TV. Non è, forse, anche un atto di arroganza? È come se volessero far intendere che non c'è possibilità di replica a quanto è stato da poco dichiarato. Un po' come dire prendi e porta a casa.

Mettere a sistema, fare sistema, fare squadra

Non sempre si parla di equazioni quando sento dire mettere a sistema. Con queste parole si vuole suggerire di unire le forze per giungere a una soluzione comune di un problema. Nella realtà, chi parla di mettere a sistema chiama gli altri a unirsi alla sua causa e agire secondo le sue istruzioni a tutela dei suoi - e solo i suoi - interessi.

Lo stesso significato è da attribuire a fare sistema e a fare squadra. In Italia il calcio è lo sport più sguito ed è uno sport di squadra. Sappiamo che agli italiani piace parlare di calcio: il campo da calcio, per esempio, è usato anche come unità di misura della superficie. Fare l'allenatore di una squadra di calcio è il sogno di tanti.

Al netto di...

Non parliamo di peso lordo, peso netto e di tara. L'espressione al netto di... ricorre nei documenti fiscali: al netto dell'IVA, al netto delle imposte, al netto del ribasso ecc. I documenti fiscali sono importanti e se riportano queste parole, allora è corretto usarle perché danno un tono di ufficialità e di rigore.

Sulla scorta di...

Non cerchiamo un gommista quando diciamo sulla scorta di... e nessuno ci ha minacciato di morte per cui necessitiamo di protezione. A inizio della frase ci è di avviso: ci troviamo davanti a qualcosa che è iniziato prima e a cui noi ci adeguiamo o ci atteniamo.

Dedicato

Ricordate quando la gente telefonava alle radio per dedicare una canzone a qualcuno? Non c'è nulla di romantico, invece, in dedicato quando è usato come traduzione letterale dell'inglese dedicated, come per esempio in questa frase: connessione a internet con linea dedicata. Qui dedicata sta per apposita, specifica, riservata a tale scopo.

Disturbante

Ci sono parole che in inglese sono scritte quasi come in italiano, ma non condividono lo stesso significato. Per esempio, cold non vuol dire caldo, factory non è la fattoria, parents non sono i parenti. Allo stesso modo, a mio parere non è corretto tradurre disturbing con disturbante, sia perché disturbante è poco usato in italiano, sia perché il significato di disturbing è più simile a sconvolgente, allarmante, che urta la sensibilità.

Stare sul territorio

È più viscerale e sincero stare sul territorio anziché occuparsi di politica locale o di amministrazione locale. Già la parola ha in se la radice terra, che dà il nome al nostro pianeta: la Terra. Che cosa c'è di più concreto della terra? Lavorare la terra richiama all'umiltà e a ciò che è strettamente necessario. La politica di Roma, invece, si fa stando nei palazzi.

Come se non ci fosse un domani

È un'espressione molto frequente su Twitter. A usarla sono in tanti e la appiccicano in svariati contesti: scontri tra tifoserie di movimenti politici, faciloni del Web, cultori dei meme ecc. La stessa espressione è un meme, così iperbolica e drastica.

Nel merito e nel metodo

L'allitterazione fa stare bene in compagnia queste due parole: l'una richiama l'altra. C'è una ragione per cui merito e metodo debbano stare insieme, un po' come ascisse e ordinate, bello e cattivo tempo, qualità e prezzo?

Uno studio dell'università di...

Non puoi neanche più scrivere che vai a mangiare una pizza fuori senza citare uno studio dell'università di... come fonte certa. Ormai sui social network si citano più fonti che su Le Scienze. Tutti noi possiamo avere un'opinione personale ed esprimere - se vogliamo - una considerazione su qualcosa. L'opinione personale non è scienza.

Di fondo c'è lo spauracchio del complottista e dell'insulto di analfabetismo funzionale. Non manca la citazione della famosa frase di Umberto Eco sugli imbecilli e sui social network.

Dettagli: 15/06/2020 · 167 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.