Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Blog > Twitter con i moduli prestampati solo se sei banale

Twitter con i moduli prestampati solo se sei banale

prestampato

All'inizio, Twitter non aveva la funzione RT (ritweet) e l'ha introdotta per consentirci di condividere un tweet con sempre accanto il nome e la foto dell'autore.

A differenza di Facebook, su Twitter nessuno può scrivere sul tuo profilo; se un amico scrive sulla tua bacheca di Facebook, il messaggio in genere non compare nella home.
Il RT fa comparire sul tuo profilo di Twitter, invece, un tweet di altri e - cosa importante - lo trasmette a tutti i tuoi follower. Il RT porta visibilità ed è causa di comportamenti molesti da chi non ne ha capito il funzionamento: ripeto sempre che Twitter ci vuole interessati e non interessanti, al contrario di Facebook. Su Twitter ci sono i follower ma non i leader.

L'altro lato virale di Twitter è la composizione di tweet su moduli prestampati e ce ne accorgiamo subito da certe espressioni ricorrenti, a ondate come l'influenza intestinale o la diarrea.

L'epidemia si propaga non tanto con i RT ma con la speranza di uno o più RT. Questo comportamento può rivelarsi molesto e l'utente contagiato in quei momenti non partecipa alla conversazione di Twitter da interessato ma da disagiato in disperato bisogno di attenzioni.

Con la primavera del 2014, l'influenza intestinale è il tweet sul modulo "... solo se sei ...", come per esempio:

  • il calzino bianco solo se sei Piero Angela
  • il buon pranzo solo se sei Papa Francesco
  • farsi una famiglia solo se sei Brooke Logan
  • scrivere in un tweet RT RT RT RT RT solo se sei appena arrivato da fb
  • mandare i messaggi di benvenuto solo se sei uno zerbino

Leggi anche L'uccello di Twitter è un pappagallo; ecco le parole più ripetute, I tormentoni dei social finiti nel dimenticatoio nel 2013 e Matematica su Twitter: le twitstar hanno più probabilità di entrare nelle tendenze.

Dettagli: Blog · 15/04/2014 · 908 view

About me

Sono Antonio Picco e mi piace commentare le dinamiche di Twitter e di Facebook, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari, ma parlo anche di musica e tv.
On-line dal 2003. Memorabile.
Su Wikipedia sotto la voce di sito internet superfighissimo.