Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Qual è il contrario di negazionista?

Qual è il contrario di negazionista?

Il negazionista nega la verità di un fatto storico; ma qual è il contrario di negazionista?

Origine del negazionismo

All'inizio il negazionismo era prevalentemente negazionismo dell'Olocausto. Secondo quel negazionismo l'Olocausto non sarebbe un fatto storico, ma un'invenzione. In Germania negare l'Olocausto è un reato.

È un insulto dare del negazionista a qualcuno.

Abbiamo conosciuto anche i negazionisti dell'attentato al World Trade Center dell'11 settembre 2001.

Oggi il negazionista nega la pandemia da COVID o ne contesta la gestione da parte delle autorità. Google Trends ci mostra come ci sia un'impennata nella ricerca di negazionismo sul motore di ricerca proprio negli ultimi tempi, cioè da quando la pandemia occupa gran parte del dibattito in TV, sul Web e sui media in genere.

Il negazionista spesso è un complottista o un sostenitore delle teorie della cospirazione; nega un fatto storico per ignoranza, per ideologia faziosa e partigiana, per interesse o anche per semplice sprovvedutezza.

Al contrario, chi non mette in dubbio un fatto storico è sicuramente bene informato, dalla parte della ragione, scandalizzato dal sapere di quel sacrilego capace di negare l'accaduto.

Il contrario di negazionista

Se negazionista è un marchio infamante, qual è il contrario di negazionista? Se il negazionista volesse replicare all'insulto, quale parola potrebbe rivolgere alla controparte?

Il negazionista comincia ad esistere quando è forte la posizione di chi sostiene e difende a oltranza una verità storica di cui non si può discutere.

Sostenere una verità senza se e senza ma – come usano dire quelli che parlano in TV – è un atteggiamento da integralista, da chi è pronto a smontare a oltranza ogni contestazione.

Il Treccani non dà indicazioni. Io propongo di usare oltranzista come contrario di negazionista.

Il negazionista potrebbe accusare la controparte di oltranzismo, ma con quali effetti?

Dettagli: 11/11/2020 · 109 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.