Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > I calendari del 2020 e del 1992 sono uguali e su Facebook si stupiscono

I calendari del 2020 e del 1992 sono uguali e su Facebook si stupiscono

556-calendario-1992-2020 (32K)

È vero. Il calendario del 2020 è uguale al calendario del 1992, ma perché vi stupite?

I social network e il calendario

Perché la gente si meravigliava di un mese con cinque sabati e domeniche? Me lo chiedevo quando - alcuni anni fa - la gente pubblicava su Facebook, con il solito copia e incolla, l'invito a meravigliarsi dell'eccezionalità dell'evento: un mese con 5 sabati e domeniche invece dei soliti quattro. Poteva sembrare un errore per cui indignarsi, o un segno misterioso per convertirsi a una nuova religione new age.

In quei tempi ero ancora una persona paziente e facevo notare alla gente che non era un evento poi così eccezionale. Elencavo anche una serie di mesi da poco trascorsi in cui il sabato e la domenica si ripetevano per cinque volte anziché quattro.

Ripenso a questo episodio ora, perché da qualche giorno sui social network, ma anche in TV, la gente - sempre loro! - pubblica la foto di un calendario del 1992 con a fianco il calendario del 2020. I calendari coincidono, cioè il 5 gennaio 1992 era una domenica come il 5 gennaio 2020, e così via per tutti i 366 giorni dell'anno.

Il calendario del 1992 è uguale al calendario del 2020.

Perché tutta questa meraviglia? Perché nel gennaio 2019 nessuno ha pubblicato la foto del calendario del 1991 facendo notare che era uguale al calendario del 2019?

Il prossimo anno faranno lo stesso con il calendario del 1993, che sarà uguale a quello del 2021?

Non c'è salvezza

Con questi interrogativi ci muoviamo tutti insieme lungo il 2020, appena cominciato. Ricordiamo che è un anno bisestile, con un giorno in più a febbraio.

Anche il 2020 non mostra segni di miglioramento sull'uso dei social network e non potrà cambiare in positivo se anche chi stimo condivide i video di Federico Pistono che parla di scenari futuri e start-up con figuranti forzati a far finta di essere interessati e ad ascoltare ciò che dice. Avevo parlato di lui anche qualche tempo fa, in questa mia nota, dopo aver visto Pistono parlare di global warming su Mistero di Italia1.

Dettagli: 05/01/2020 · 174 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.