Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Recensioni > Gli Argo e lo spleen nella polvere di logica

Gli Argo e lo spleen nella polvere di logica

argo-video-polvere-di-logica (11K)

Il singolo che anticipa l'uscita dell'EP degli Argo è, forse, quella novità che fa distendere le mani per far volare i desideri di una vita, altrimenti imprigionati.

Gli Argo

Gli Argo sono Giovanni Di Placido (chitarra ritmica e voce), Diego Tancredi Cermaria (basso elettrico), Vincenzo Marvin Chiappa (batteria e cori), ed Enrico Carlo Baldarelli (chitarra solista). La band prende forma nel 2011 a Fano, inizialmente col nome di Red Car Pet. In quegli anni, durante le esibizioni live i quattro alternavano cover a brani originali.

Nel 2014 registrano i primi pezzi, con i testi in inglese; poi, nel 2015 l'incontro con l'etichetta Alka Record Label e la svolta: i testi sono ora in italiano e con la direzione artistica di Massimiliano Lambertini e di Michele Guberti gli Argo registrano quattro nuovi brani nel Freedom Recording Studio, in provincia di Ferrara.

Nel 2016 avvengono altri cambiamenti e arriva il momento di pubblicare l'EP che avrà come titolo lo stesso nome della band: Argo. L'uscita dell'EP è prevista per il 9 dicembre ed è anticipata dal primo singolo Polvere di logica, pubblicato lo scorso 22 novembre con un video cha ha già ricevuto quasi 1000 visualizzazioni su Youtube.

Polvere di logica

Il video coglie il rigore dei quartieri residenziali riquadrati dai marciapiedi. Le strade si incontrano ad angolo retto e le giornate sono regolate dall'andare e venire di chi appartiene a quei luoghi. Quando tu appartieni a un luogo, quel luogo è la tua prigione.

Il tema di Polvere di logica è la malinconia che, come per Baudelaire in Spleen, è il sentimento che si prova quando non c'è niente che possa portare alla novità e i giorni sono distratti. Anche il cielo nelle immagini del video è basso e cupo come quello che Baudelaire paragona a un coperchio che schiaccia l'anima.

Nella dimensione urbana di un deposito temporaneo di esseri umani, i desideri sono per forza strani e rimangono stretti tra le mani, perché anche volendo incamminarsi lungo quelle strade si finisce per tornare nel punto di partenza: la prigione è un cerchio che si chiude, e tu gli appartieni.

Prevalgono i suoni glaciali e un ritmo pop immediato e slanciato, che stringe anche le parole sdrucciole nell'andamento giambico dei versi.

Argo (EP)

argo-copertina (33K)

Non rimane che attendere l'uscita dell'EP degli Argo.

Dettagli: Recensioni · 01/12/2016 · 812 view

About me

Sono Antonio Picco e mi piace commentare le dinamiche di Twitter e di Facebook, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari, ma parlo anche di musica e tv.
On-line dal 2003. Memorabile.
Su Wikipedia sotto la voce di sito internet superfighissimo.