Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Le eccellenze tutte italiane, un'espressione ormai abusata

Le eccellenze tutte italiane, un'espressione ormai abusata

È andata incontro a un forte rilancio nell'uso pubblico la parola eccellenza: le eccellenze del made in Italy, i ricercatori nelle università sono le nostre eccellenze, ma sono eccellenze anche le caciotte, il vino, la pasta, la pizza ecc.

Nel vocabolario

Nel Vocabolario Treccani on-line, il significato di eccellenza che ci interessa e:

Qualità di chi o di ciò che è eccellente: e. d’ingegno; raggiungere l’e. nell’arte (cioè il grado più alto, la perfezione).

Il vocabolario ricorda anche gli altri significati e, cioè, quello di titolo onorifico e di locuzione avverbiale simile a per antonomasia. Eccellenza deriva dal verbo eccellere, col significato di superare tutti gli altri o di distinguersi per eminenti qualità: è uno scienziato che eccelle nel campo degli studi fisici, eccelleva tra i pittori suoi contemporanei.

Nell'uso comune, perde di significato

Eccellere, quindi, presuppone un gruppo di individui confrontabili tra i quali solo qualcuno supera tutti gli altri. Parlare di eccellenze, così come si fa oggi, riferendosi alle persone (ma anche alle cose) eccellenti perde di significato - secondo me - perché se i ricercatori nelle università sono eccellenze, se cioè tutti sono in grado di perfezione, è come dire che non lo è nessuno; i nostri prodotti alimentari che tutto il mondo ci invidia sono le eccellenze del made in Italy - usano dire per promuovere la buona qualità del vino, dei formaggi o della pasta - ma il numero dei prodotti eccellenti coincide con la dimensione dell'insieme dei prodotti made in Italy.
Come abbiamo letto nella definizione del vocabolario, sarebbe più corretto dire che quel ricercatore, e solo lui, è eccellente in quella materia nell'ambito del gruppo di ricercatori di cui fa parte; oppure, che il vino con quell'etichetta eccelle tra i vini prodotti con lo stesso uvaggio.

Espressione abusata

Nel linguaggio comune, invece, eccellenza mi risulta un'espressione abusata nella quale converge un significato sconfinato e inflazionato. Non è eccellente chi si distingue dagli altri, ma chi occupa un ruolo di prestigio e viceversa; la perfezione di un prodotto eccellente può addirittura essere replicata in serie e tra quei prodotti nessuno si distingue dagli altri perché tutti uguali e tutti perfetti.

A salvaguardia di un privilegio

Inoltre, nel dibattito politico parlare di eccellenza si accompagna spesso alla salvaguardia di un privilegio, quando il fatto di eccellere - se l'eccellenza è davvero riconosciuta - è già di per se una condizione privilegiata (nel senso buono di privilegio, stavolta). Lo scienziato che eccelle nel suo campo non dovrebbe aver bisogno di elemosinare le attenzioni dell'opinione pubblica perché la sua bravura è già riconosciuta quando diciamo che eccelle nel suo campo.
Invertendo l'ordine logico, per ricevere attenzioni e soldi pubblici c'è chi si autoproclama eccellenza italiana, il cui merito deve essere riconosciuto e premiato per decreto.

La petizione

Sostieni la campagna contro le eccellenze e firma la petizione.

Dettagli: 22/12/2013 · 2012 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Pubblico delle narrazioni e non delle confessioni, come invece ci chiedono di fare i social network.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.