Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Blog > Il Papa e Nostradamus: a distanza di secoli le stesse parole per parlare della Chiesa del III millennio

Il Papa e Nostradamus: a distanza di secoli le stesse parole per parlare della Chiesa del III millennio

Nel discorso di oggi, il Papa ha usato parole molto simili a quelle che leggiamo nelle quartine 10 e 12 della Centuria II delle Profezie di Nostradamus, di cui ho parlato anche qui.

Le parole del Papa:

Anche ai nostri giorni molti sono pronti a stracciarsi le vesti di fronte a scandali e ingiustizie, naturalmente commessi da altri, ma pochi sembrano disponibili ad agire sul proprio cuore, sulla propria coscienza e sulle proprie intenzioni, lasciando che il Signore trasformi, rinnovi e converta.
Il volto della Chiesa viene a volte deturpato da colpe contro l’unità della Chiesa e divisioni del corpo ecclesiale.

Le quartine di Nostradamus:

Molto tempo prima tutto sarà organizzato,
Noi ci attendiamo un bel sinistro secolo:
Lo stato delle maschere e dei soli (sarà) ben cambiato.
Pochi (si) troveranno di chi voglia essere al suo (o proprio) rango.

Occhi chiusi, aperti d'antica fantasia,
L'abito dei soli sarà soppresso:
Il grande monarca castigherà la loro frenesia,
Si prenderà dai templi anzitutto il tesoro.

Il Papa parla di vesti da stracciare, di scandali e ingiustizie commesse da altri; Nostradamus prevede che l'abito dei soli (cioè dei prelati, soli perché celibi) sarà soppresso e di qualcosa organizzato molto tempo prima e a causa di ciò il secolo successivo sarà sinistro: potrebbero essere le colpe e ingiustizie commesse tempo prima da altri.

Poi, il Papa dice che pochi sono disponibili ad agire sul proprio cuore, sulla propria coscienza e sulle proprie intenzioni; come diceva Nostradamus: pochi si troveranno di chi voglia essere al proprio rango.

La profezia di Malachia dice che l'ultimo Papa sarà Petrus Romanus; Benedetto XVI dovrebbe essere il penultimo dei Papi. Cosa può voler dire Petrus Romanus?
Secondo me, sta per Romano Pontefice, cioè Vescovo di Roma. Fino alle dimissioni, il Romano Pontefice è il Papa e la Diocesi è quella di Roma, che è allo stesso tempo patriarcato della Chiesa latina, arcidiocesi e diocesi. Attualmente, la diocesi è retta da un Vicario, il cardinale Agostino Vallini. Rimando a Wikipedia per i dettagli.

Altri rivedono nelle dimissioni del Papa i versi della quartina 57 della Centuria II:

Prima del conflitto il grande muro cadrà
Il grande morirà, morte troppo improvvisa e compianta
Nave incompiuta, la maggior parte nuoterà
Vicino al fiume la terra sarà tinta di sangue.

Come si vede subito, la quartina parla di morte improvvisa e compianta di un grande che potrebbe essere un Papa; Benedetto XVI, fino a questo momento, non è morto.
Il muro che cadrà non credo sia la Borsa di Wall Street: per quanto i tempi non siano d'oro, Wall Street non è crollata.

Secondo me, la quartina 57 parla della morte improvvisa di Giovanni Paolo I, il Papa dei 33 giorni; il muro che crolla sta per la massoneria e per le implicazioni tra massoneria, Chiesa e banca dello IOR che Giovanni Paolo I voleva riformare: opera che ha cominciato ma non finito (nave incompiuta).

Un'ipotesi, del tutto personale, mette in conto un terzo conflitto mondiale. Consapevole dei venti di guerra e degli sviluppi in tal senso in Europa e nel mondo, il Papa - trovandosi in posizioni divergenti con alcuni grandi della Chiesa e non volendo essere in Vaticano col mondo in guerra - potrebbe aver deciso di lasciare, o di lasciare il posto ad altri.

Dettagli: Blog · 13/02/2013 · 2398 view

About me

Sono Antonio Picco e mi piace commentare le dinamiche di Twitter e di Facebook, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari, ma parlo anche di musica e tv.
On-line dal 2003. Memorabile.
Su Wikipedia sotto la voce di sito internet superfighissimo.