Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Il Papa e Nostradamus: a distanza di secoli le stesse parole per parlare della Chiesa del III millennio

Il Papa e Nostradamus: a distanza di secoli le stesse parole per parlare della Chiesa del III millennio

Nel discorso di oggi, il Papa ha usato parole molto simili a quelle che leggiamo nelle quartine 10 e 12 della Centuria II delle Profezie di Nostradamus, di cui ho parlato anche qui.

Le parole del Papa:

Anche ai nostri giorni molti sono pronti a stracciarsi le vesti di fronte a scandali e ingiustizie, naturalmente commessi da altri, ma pochi sembrano disponibili ad agire sul proprio cuore, sulla propria coscienza e sulle proprie intenzioni, lasciando che il Signore trasformi, rinnovi e converta.
Il volto della Chiesa viene a volte deturpato da colpe contro l’unità della Chiesa e divisioni del corpo ecclesiale.

Le quartine di Nostradamus:

Molto tempo prima tutto sarà organizzato,
Noi ci attendiamo un bel sinistro secolo:
Lo stato delle maschere e dei soli (sarà) ben cambiato.
Pochi (si) troveranno di chi voglia essere al suo (o proprio) rango.

Occhi chiusi, aperti d'antica fantasia,
L'abito dei soli sarà soppresso:
Il grande monarca castigherà la loro frenesia,
Si prenderà dai templi anzitutto il tesoro.

Il Papa parla di vesti da stracciare, di scandali e ingiustizie commesse da altri; Nostradamus prevede che l'abito dei soli (cioè dei prelati, soli perché celibi) sarà soppresso e di qualcosa organizzato molto tempo prima e a causa di ciò il secolo successivo sarà sinistro: potrebbero essere le colpe e ingiustizie commesse tempo prima da altri.

Poi, il Papa dice che pochi sono disponibili ad agire sul proprio cuore, sulla propria coscienza e sulle proprie intenzioni; come diceva Nostradamus: pochi si troveranno di chi voglia essere al proprio rango.

La profezia di Malachia dice che l'ultimo Papa sarà Petrus Romanus; Benedetto XVI dovrebbe essere il penultimo dei Papi. Cosa può voler dire Petrus Romanus?
Secondo me, sta per Romano Pontefice, cioè Vescovo di Roma. Fino alle dimissioni, il Romano Pontefice è il Papa e la Diocesi è quella di Roma, che è allo stesso tempo patriarcato della Chiesa latina, arcidiocesi e diocesi. Attualmente, la diocesi è retta da un Vicario, il cardinale Agostino Vallini. Rimando a Wikipedia per i dettagli.

Altri rivedono nelle dimissioni del Papa i versi della quartina 57 della Centuria II:

Prima del conflitto il grande muro cadrà
Il grande morirà, morte troppo improvvisa e compianta
Nave incompiuta, la maggior parte nuoterà
Vicino al fiume la terra sarà tinta di sangue.

Come si vede subito, la quartina parla di morte improvvisa e compianta di un grande che potrebbe essere un Papa; Benedetto XVI, fino a questo momento, non è morto.
Il muro che cadrà non credo sia la Borsa di Wall Street: per quanto i tempi non siano d'oro, Wall Street non è crollata.

Secondo me, la quartina 57 parla della morte improvvisa di Giovanni Paolo I, il Papa dei 33 giorni; il muro che crolla sta per la massoneria e per le implicazioni tra massoneria, Chiesa e banca dello IOR che Giovanni Paolo I voleva riformare: opera che ha cominciato ma non finito (nave incompiuta).

Un'ipotesi, del tutto personale, mette in conto un terzo conflitto mondiale. Consapevole dei venti di guerra e degli sviluppi in tal senso in Europa e nel mondo, il Papa - trovandosi in posizioni divergenti con alcuni grandi della Chiesa e non volendo essere in Vaticano col mondo in guerra - potrebbe aver deciso di lasciare, o di lasciare il posto ad altri.

Dettagli: 13/02/2013 · 2474 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Pubblico delle narrazioni e non delle confessioni, come invece ci chiedono di fare i social network.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.