Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > In Italia si lavora di più ma si guadagna e ci si diverte di meno

In Italia si lavora di più ma si guadagna e ci si diverte di meno

Dalla pubblicazione dell'Istat Noi Italia, si vede che la spesa media per ricreazione e cultura è il media in 7% del totale e nel confronto con gli altri Paesi europei si colloca sotto la media. In alto nella classifica il Regno Unito e i paesi scandinavi.

Allora, dal sito dell'Organisation for Economic Co-operation and Development ho consultato alcuni dati limitatamente a Italia e Regno Unito; in particolare, i dati su:

  • Pil pro capite (GDP per capita), in dollari;
  • tasse su beni e servizi, come percentuale del Pil pro capita;
  • monte ore di lavoro medio per anno.

Lo scopo è quello di capire - a grandi linee - come maggiore ricchezza, minore tassazione e più tempo libero possano permettere alle famiglie di dedicare più risorse a ricreazione e cultura, come ogni paese economicamente avanzato si vanta di poter fare.

ParametroUnitàUKItalia
Pil pro capite 2009$35 15132 413
Pil pro capite 2010$35 91731 563
Tasse su beni e servizi 2009% Pil10%10,6%
Ore di lavoro annue 2009ore/anno16431772

Dai dati si vede che nel Regno Unito il Pil pro capite è di poco aumentato dal 2009 al 2010 mentre in Italia, dove il Pil pro capite è inferiore a quello inglese, è diminuito.
Le tasse su beni e servizi sono dello stesso ordine di grandezza, ma in Italia ne paghiamo comunque di più.
Gli italiani hanno meno tempo libero.

Un paese dove si lavora di più (i dati non tengono conto del lavoro nero, e ce n'è tanto) ma si guadagna meno, e dove si pagano più tasse ma ci sono meno servizi, con difficoltà può relazionarsi alla pari con Regno Unito, Germania e Francia, ad esempio.

Dettagli: 22/01/2012 · 1733 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.