Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Wikipedia: i contenuti sono liberi ma li oscuro perché il sito è il mio

Wikipedia: i contenuti sono liberi ma li oscuro perché il sito è il mio

Se i contenuti della Rete sono liberi o di libero accesso, i contenitori non lo sono: i cervelloni dove girano i siti internet non crescono spontaneamente nel bosco ma sono di proprietà di qualcuno. Persino facebook che è gratis e lo sarà sempre appartiene a qualcuno, eppure i dati contenuti sono i nostri.

Wikipedia goes on strike

La pagina italiana di Wikipedia in un comunicato di oggi esprime solidarietà verso i colleghi di lingua inglese che protestano contro le proposte di legge Sopa e Pipa in materia di lotta alla pirateria e tutela del diritto d'autore.
Il Sopa, Stop Online Piracy Act, è una proposta di legge americana per introdurre strumenti giuridici in materia di tutela del diritto d'autore; il Pipa, Protect Ip Act, è un'altra delle discusse proposte di legge per limitare l'accesso ai siti web, in maggioranza stranieri, che pubblicano contenuti senza licenza o praticano la pirateria.
Queste proposte sono fortemente criticate perché viste come forma di censura, che negli Usa - terra anche di contraddizioni diffcili da capire per noi italiani ed europei - è vista come una minaccia ai principi fondamentali di libertà.

Non è la prima volta che Wikipedia oscura le proprie pagine in forma di protesta e in questo modo raccoglie molti consensi e messaggi di solidarietà. Non si può, da parte del legislatore, non tener conto delle cose buone che la Rete può dare (ad esempio Wikipedia) e che provvedimenti come il Sopa e il Pipa potrebbero cancellare anche per un uso distorto del provvedimento stesso.
Dovrebbe cambiare, invece, il concetto di gratuità della Rete: i siti che tutti noi usiamo ogni giorno (Google, Wikipedia, Facebook, Twitter, ad esempio) sono accessibili gratuitamente (al netto dei costi di connessione che paghiamo al gestore della linea telefonica), però sono anche società che producono profitto. I contenuti di questi siti sono quelli che liberamente si possono trovare nella Rete, come i link alle fonti citate su Wikipedia, ma il proprietario o l'amministratore di questi siti può decidere di scioperare, oscurare, cancellare le proprie memorie proprio perché i contenitori - a differenza dei contenuti - possono non essere liberi. Quando comperiamo un libro, al contrario, l'editore non verrà a casa nostra a strapparne le pagine perché il libro - inteso come supporto fisico e non come contenuto - è il nostro.

Cosa succederebbe se un giorno Facebook scioperasse e non ci permettesse di accedere ai nostri dati?

Dettagli: 18/01/2012 · 1290 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Pubblico delle narrazioni e non delle confessioni, come invece ci chiedono di fare i social network.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.