Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Spam e Seo, quando proprio non sono credibili

Spam e Seo, quando proprio non sono credibili

Una mail costa praticamente niente, ma sapevate che ogni singolo messaggio e click producono CO2?

Spesso i messaggi di spam non sono credibili, non sono scritti in italiano corrente e il mittente non Ŕ specificato.
Nella mia casella di posta trovo questo messaggio, con tanto di mittente e link al profilo linkedin:

Salve,
vorrei cogliere questa occasione per presentarmi. Il mio nome Ŕ Andrea e sono la responsabile di [...].com
Lavoro al fianco di numerosi siti internet. Gestisco il loro SEO in base alle particolaritÓ dei maggiori motori di ricerca on line, tra cui Google, Bing e Yahoo.
Lavorando al sito web di uno dei miei partner lavorativi, ho incrociato antoniopicco.it.
Sono convinta di poter esserle utile per incrementare il traffico, la visibilitÓ e il Page Rank del suo sito. Se interessato, sarei pi¨ che felice di elaborare meglio i dettagli della mia proposta di assistenza.
Le auguro una buona giornata,
Andrea M[...]

Sotto la firma, l'indirizo e-mail e il link al profilo linkedin. Andiamo a vedere chi Ŕ la signorina Andrea M. ma toh, si scopre che non Ŕ la signorina Andrea M. ma il dottor Andrea M., laureato in ingegneria informatica.
Una disattenzione che non lascia dubbi sulla professionalitÓ di Andrea.

Il mestiere del SEO Ŕ quello di incrementare le visite a un sito internet sfruttando le regole del posizionamento nei motori di ricerca; su twitter se ne trovano molti ma non quanto i guru dei social media.

Dettagli: 29/12/2011 · 1245 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Pubblico delle narrazioni e non delle confessioni, come invece ci chiedono di fare i social network.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.