Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Tv, anche Benigni non c'é più!

Tv, anche Benigni non c'é più!

Guardate un attimo il video; è la prima parte dell'intervento di Benigni allo show di Fiorello.
Ricordate che qualche mezz'ora prima, Fiorello aveva annunciato l'arrivo del comico toscano, dicendo che era bloccato nel traffico del Raccordo e quindi in ritardo. Alla fine arriva, sono quasi le 23 di lunedì 5 dicembre, e canta La porti un bacione a Firenze, un classico, un saluto, la firma. Se guardiamo bene, però, sembra che a un certo punto sbagli i tempi: la musica sembra fermarsi, Benigni si volta verso Fiorello, sta per fermarsi e ha già la battuta pronta quando la musica riparte e il comico dietro a rincorrerla.
Dopo i convenevoli e il non c'è più, Fiorello lascia il palco tutto all'ospite.

Dal minuto 4:30, Benigni solo sul palco comincia una serie di ringraziamenti: il pubblico, il teatro, lo show... due minuti fino a 6:30 quando Benigni chiama proprio Fiorello cercando un cenno, come a dire: e adesso cosa devo fare, cosa devo dire?
La sensazione è che Benigni non abbia provato prima e non si sia preparato nulla di nuovo, nessun intervento. Infatti, il suo repertorio è anche fuori tempo massimo, come scrive Aldo Grasso sul Corriere. Probabilmente avrà visto qualche spezzone su youtube e Benigni rifa quello che Fiorello aveva già fatto: la scena della piastra, della corsa in vespa, del buttafuori, ecc. Ci risparmia Dante e intanto Fiorello, inquadrato proprio nella posizione del suggeritore sotto il palco, dà i tempi a Benigni.

Alla fine, Fiorello gli chiede l'Inno del corpo sciolto: la chitarra non è pronta, ci vuole quella classica non quella elettrica - avete mai visto Benigni con la chitarra elettrica? -. Sono 30 anni che non canta l'Inno e visto che in 30 anni non c'è stato nulla di nuovo sembra giusto riproporre una replica. Una replica anche il rosario di frasi fatte su Berlusconi, che ormai - come ha lui stesso ricordato - non c'è più (al governo).

L'effetto sarebbe stato lo stesso se dalla regia avessero mandato un filmato registrato con un'esibizione di Benigni del passato: Benigni con la Carrà, o con Pippo al Festival, o un filmato in bianco e nero.
Io avrei preferito, invece, vedere come ospite una persona capace di portare aria nuova, come lo stesso Roberto Bolle un'ora prima, o - nelle puntate precedenti - Elisa, i Coldplay, Bublè, ...
Una presa in giro del pubblico italiano.

Dettagli: 06/12/2011 · 1357 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Pubblico delle narrazioni e non delle confessioni, come invece ci chiedono di fare i social network.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.