Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Nella pubblicità di Trainline, da Milano a Udine per vedere lo yeti

Nella pubblicità di Trainline, da Milano a Udine per vedere lo yeti

594 (98K)

La pubblicità di un'applicazione utile per comprare biglietti di bus e treni propone Udine come meta esotica dove fare nuove amicizie. Anche con uno yeti.

La pubblicità di Trainline

Se guardi distrattamente la TV, non te ne accorgi; se non sei appassionato di applicazioni - e io non lo sono - neanche mostri un po' di interesse. Ma stasera l'occhio mi è caduto sul fotogramma, qui sotto ingrandito.

595-2 (53K)

Non capita spesso di sentire parlare di Udine, città che conoscono bene. Come mai questa pubblicità parla di Udine e che cosa mostra di Udine, in Friuli Venezia Giulia, dove sei ospite di gente unica?

Fare nuove amicizie

Il tema dello spot è prenotare e comprare biglietti di bus e treni in tutta tranquillità, così da godere la parte più bella di un viaggio, cioè fare nuove amicizie.

Il capellone della pubblicità dal divano di casa sua prenota un biglietto da Milano verso Udine. Arrivato a Udine trova una natura selvaggia, incontaminata. In treno conosce una ragazza. Nella natura, invece, incontra uno yeti.

595_3 (93K)

Tutti quanti scappano. Il viaggiatore si ferma e fa amicizia con lo yeti.

Bella pubblicità per Udine e il Friuli

Il messaggio subliminale sembra promuovere il Friuli per la sua natura e per la gente del luogo: sembriamo degli yeti, spaventiamo i turisti, ma non siamo feroci.

Il video dello spot

Dettagli: 20/02/2024 · 128 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.