Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Un disabile può partecipare a L'Eredità?

Un disabile può partecipare a L'Eredità?

leredita-rai (35K)

I quizi televisivi come l'Eredità tengono conto di eventuali concorrenti con disabilità? I giochi sono proprio per tutti?

L'Eredità su Rai1

Il quiz del preserale di Rai1, l'Eredità, è solo un esempio. Lo seguo sempre, quando posso, e anche a me piace indovinare la soluzione della Ghigliottina sul finale.

La sera poco prima della otto, se credo di aver individuato la parola esatta che lega i cinque indizi della Ghigliottina, faccio un tweet con l'hashtag #ghigliottina: la gara su Twitter è anche a chi arriva prima da casa a indovinare la soluzione.

A volte mi capita di contestare la soluzione ufficiale e di trovare più pertinente la mia di parola. Come alla Ghigliottina del 1° gennaio 2019; i 5 indizi erano: giorni, fisica, garantire, rivelatore, bella. La concorrente proponeva la parola luce e anche io twittavo luce: giorni luce è una frazione dell'anno luce; fisica della luce; garantire la luce anche in caso di mancanza di elettricità; rivelatore di luce anche se sarebbe più corretto rilevatore di luce; c'è una bella luce.

La soluzione era, invece, presenza. Allora, è ancora più evidente l'errore di rivelatore di presenza invece di rilevatore: i segreti di rivelano, mentre la presenza di rileva!

I giochi

Il quiz è un format di Magnolia e sul loro sito è pubblicato il regolamento dei giochi. In tutti i giochi sono indispensabili la vista, l'udito e la voce: la vista per controllare sul monitor l'andamento del gioco e leggere le domande, l'udito per ascoltare le domande e interagire con il conduttore, la voce per rispondere alle domande.

In caso di disabilità?

A memoria non ricordo un concorrente con disabilità all'udito, alla vista o alla voce. Ai casting si è mai presentato un non udente, un non vedente o un sordomuto? In quel caso, il quiz sarebbe attrezzato?

In altri quiz è ancora peggio

Altri quiz, tra quelli andati in onda in passato e tra quelli in onda ora, sono ancora meno accessibili ai disabili, specie se sono richieste anche abilità fisiche.

Qualcuno ha mai pensato ai disabili nei quiz televisivi?

Dettagli: 12/01/2019 · 344 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Pubblico delle narrazioni e non delle confessioni, come invece ci chiedono di fare i social network.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.