Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Il senso della misura dei God of the Basement

Il senso della misura dei God of the Basement

525-god-of-the-basement (54K)

Il primo album in uscita a giorni. Con il primo singolo With the Lights Off estratto dall'album, i God of the Basement si fanno apprezzare per il senso della misura.

I God of the Basement su Facebook.

God of the Basement

Tommaso Tiranno (voce), Rebecca Lena (basso), Stefano Genero (chitarra) ed Enrico Giannini (chitarra, piano, cori) sono i God of the Basement dal 2016.

Fanno alternative rock da Firenze, mescolando esoterismo e cultura pop.

Pubblicano il primo EP, GOTB EP, e accumulano ore di live. Si esibiscono all'apertura della prima serata del tour mondiale dei The Veils nella loro tappa a Milano, al Main Stage ala Florence Tattoo Convention e in un mini tour nel Regno Unito.

Il singolo With the Lights Off anticipa l'uscita del loro primo album, prevista per il prossimo 19 ottobre per l'etichetta Alka Record Label.

With the Lights Off

Al primo ascolto si apprezza la giusta misura delle cose: si riconoscono gli strumenti, il basso richiede di prestare attenzione alle parole del testo e le pause ripuliscono i sensi. Possono ricordare i Muse o i Depeche Mode, ma - forse - pi corretto dire che come i Muse, i Depeche Mode e molti altri si ispirano ad uno standard compositivo ed interpretativo forti di una non ostentata self confidence.

Non sarebbe male pubblicare anche il testo della canzone oltre al video.

Dettagli: 07/10/2018 · 343 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Pubblico delle narrazioni e non delle confessioni, come invece ci chiedono di fare i social network.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.