Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Twitter e che cosa è satira e che cosa no

Twitter e che cosa è satira e che cosa no

spinoza-bosso-tweet (36K)

Un altro esempio di come si usa Twitter al solo scopo di avere un RT o un like in più. Libero di scrivere ed anche di fare una brutta figura.

Il tweet e la risposta

Twitter funziona così: chiunque può pubblicare qualsiasi cosa in 140 caratteri, anche senza prima pensare a che cose sta realmente scrivendo. Gli altri lo leggono, anche senza capire, e qualcuno interagisce con una risposta (mention), un like o un retweet.

Durante la diretta tv del Festival del 10 febbraio, l'account di LiveSpinoza pubblicava un commento di un altro utente, dan11meancactus, rivolto a una persona non direttamente nominata che ha una disabilità e che non si è pettinata bene. In realtà, non fa neanche riferimento al Festival.

Siccome Twitter è fatto così, al tweet risponde Ezio Bosso, che quella sera si esibiva proprio sul palco dell'Ariston a Sanremo.

Satira o sfottò?

L'account LiveSpinoza, come si legge su spinoza.it, si definisce satirico e avverte i lettori: se le battute di questo sito non vi fanno ridere, siete Maurizio Gasparri.

Di satira ne hanno parlato un po' tutti dopo la strage di Parigi del 7 gennaio 2015. Ne ha parlato anche il Papa e anche la sua mano può essere ferro o può essere piuma (parafrasando).

La satira per essere satira deve essere indirizzata direttamente a qualcuno, mostrarne le contraddizioni e demolirne l'ambizione di accumulare consensi. La satira colpisce nella morale. Il commento nel tweet, invece, non è indirizzato direttamente ad alcuno, non mostra contraddizioni di un pensiero e non è motivato dalla volontà di qualcuno di accumulare consensi. Quel tweet è uno sfottò.

Quel tweet ha l'unico scopo di attirare consensi, cioè like e retweet.

Libetrà di parola e di non fare bella figura

Non sono Gasparri ma le battute non mi fanno ridere lo stesso. Chiunque è libero di scrivere i 140 caratteri che vuole su Twitter e a chiunque quei 140 caratteri possono non piacere, non far ridere, non interessare.

Ad ogni modo, rimane il gesto e rimane scritto in modo quasi permanente. Chiediti, almeno, se è quella l'immagine di te che vuoi lasciare nella Rete.

Le reazioni alla risposta di Ezio Bosso

Come si vede nell'immagine del tweet e della risposta (screenshot del 11/02/2016, ore 21 circa) il tweet di LiveSpinoza, account seguito da 82100 follower, ha ricevuto 73 RT e 171 like, mentre la risposta di Ezio Bosso, seguito da 26800 follower, ha ricevuto 2028 RT e 5788 like.

Dettagli: 11/02/2016 · 958 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.