Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Quell'immagine inquietante nella nuova pubblicità di Wind

Quell'immagine inquietante nella nuova pubblicità di Wind

pubblicita-wind-natale-2015-0-07

Lo spot di Wind in onda proprio in questi giorni nasconde un messaggio subliminale: un effetto speciale o un avvertimento?

La pubblicità Wind per il Natale 2015

pubblicita-wind-natale-2015-0-26

I protagonisti dello spot sono Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada. L'ambientazione è all'interno di un lussuoso ristorante, con stucchi dorati alle pareti e camerieri altezzosi.

C'è un nuovo smartphone per Panariello, seduto al tavolo. Vanessa Incontrada fa il suo ingresso nella sala e sembra un film di 007.

Facciamoci un selfie - propone Panariello - e il telefonino esplode.

Le immagini della città in fiamme

pubblicita-wind-natale-2015-0-21

L'ambientazione dello spot è la sala di un ristorante e, allora, come mai a fare da sfondo alle promozioni di Sky c'è lo scorcio di una città avvolta nel fumo?

Poi, nell'inquadratura finale siamo di nuovo all'interno del ristorante e ritroviamo Panariello e Incontrada solo un po' bruciacchiati, come i personaggi di un cartone animato dopo un'esplosione

Non capisco

Anche senza ripensare ai fatti di Parigi dello scorso 13 novembre, trovo di cattivo gusto l'immagine della città avvolta dal fumo in una notte rotta da un'esplosione.

Perché usare quelle immagini?

Che cosa ne pensi?

Dettagli: 16/11/2015 · 1969 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Pubblico delle narrazioni e non delle confessioni, come invece ci chiedono di fare i social network.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.