Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Vodafone regala internet a San Valentino: è internet che fa battere forte il cuore agli italiani

Vodafone regala internet a San Valentino: è internet che fa battere forte il cuore agli italiani

scr000050 (9K)

Per San Valentino, internet in regalo da Vodafone. In fondo è di internet che ci si innamora.

Oggi, 14 febbraio, Vodafone mi informa con un sms che internet per questa giornata è gratis. È la promozione per la festa degli innamorati e quale regalo migliore - pensavo - visto che gli italiani sono innamorati più di internet che della propria fidanzata o fidanzato.

Vi ricordate come cantavano i Righeira quasi trent'anni fa? La canzone è Innamoratissimo (Tu che fai battere forte il mio cuore), dal Festival di Sanremo del 1986.

Non so che cos'è
che mi prende di te,
so che fai battere forte il mio cuore,
non deludermi perché
io vivo già per te.
Prima avevo un computer
mentre adesso sei tu,
tu che fai battere forte il mio cuore,
io ti accenderò per me
e giocherò con te.

La canzone è del 1986, quando non esistevano neanche i cellulari e i computer erano rarità; però, è una canzone senz'altro profetica.

Nel 2015 i cellulari sono persino obsoleti perché quasi tutti abbiamo uno smartphone sempre connesso a internet o, per meglio dire, sempre connesso ai social network che sono solo una parte di internet; i computer costano molto meno che nel 1986 e sono molto più sofisticati e tecnologici.

Se la canzone fosse scritta oggi, molto probabilmente i Righeira canterebbero che mentre prima era una persona a far battere forte il cuore, ora sono i computer a farlo. I computer e gli smartphone sempre connessi a internet fanno battere forte il cuore agli italiani ed è naturale che Vodafone regali ai propri clienti una giornata di internet gratuito per la festa degli innamorati.

Dettagli: 14/02/2015 · 1295 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.