Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > La risposta del Garante: cosa fare se i call center non rispettano la privacy

La risposta del Garante: cosa fare se i call center non rispettano la privacy

callcenter (38K)

Nei giorni scorsi ho fatto richiesta ai call center che mi chiamavano, sia a casa che al cellulare, di accesso ai miei dati personali nei loro database per sapere dove avessero preso i miei recapiti. Richiedevo una loro risposta scritta entro 15 giorni, citando l'art. 7 del DLgs. 196/2003, il Codice per la privacy.

Art. 7 - Diritto di accesso ai dati personali e altri diritti
1 - L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non acora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

Trascorsi i 15 giorni, solo uno dei call center, a cui ho inviato la richiesta, mi ha risposto e ve ne parlavo qui. Mi dicevano di aver preso il mio numero di casa dall'elenco del telefono, numero che avevo provveduto ad inserire nel Registro delle opposizioni già nel 2011.
Quindi, ho deciso di rivolgermi al Garante per la privacy, che - in meno di 24 ore e a pochi giorni da Ferragosto! - mi ha risposto. La situazione è chiara e ho queste possibilità:

  • far valere i diritti di accesso ai dati personali con un ricorso al Garante, ai sensi dell'art. 145 del Codice, allegando la richiesta di accesso inviata ma senza risposta dal call center;
  • sollecitare un controllo da parte del Garante mediante una segnalazione del fatto, ai sensi dell'art. 141 lettera b) del Codice.

Per il ricorso al Garante occorre versare i diritti di segreteria (150 euro) e può essere fatto solo successivamente alla richesta di accesso di acui all'art. 7; la segnalazione, invece, è gratuita e può essere inviata a prescindere.

Gli uffici del Garante mi hanno comunque dato precise istruzioni sulle informazioni da indicare nella segnalazione o nel ricorso, cioè:

  • il mio recapito, quello bersagliato dalle chiamate del call center;
  • il tipo di recapito e l'eventuale inserimento del numero nel Registro delle opposizioni, tenendo presente che il numero di cellulare, se non pubblicato in elenco, è da considerarsi utenza riservata;
  • la denominazione e i dati del call center (chiedeli sempre a chi vi chama!);
  • il numero del call center chiamante se visibile, o , in caso contrario, indicare che il numero è nascosto;
  • l'orario delle chiamate.

Gli uffici, poi, tratterano in due fascicoli distinti le chiamate a numeri iscritti nel Registro e quelle a utenze riservate (in questo caso, le chiamate al mio numero di cellulare che non è pubblicato in elenco).

Vi invito a visitare il sito del Garante della privacy.

Per l'immagine, fonte: morguefile.com, free stock photos.

Dettagli: 06/08/2013 · 2124 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Pubblico delle narrazioni e non delle confessioni, come invece ci chiedono di fare i social network.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.