Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Euforia collettiva, tutti in piazza!

Euforia collettiva, tutti in piazza!

Una cosa accomuna gli uomini di tutto il mondo: le manifestazioni di euforia collettiva in piazza.

fonte sport.sky.it
fonte asianews.it

Nelle immagini prese ad esempio, vediamo due diversi tipi di manifestazione di festosa euforia collettiva: a Torino per una vittoria calcistica, a Bengasi in Libia per le note vicende della Primavera araba.

L'euforia Ŕ uno stato di esaltazione psico-fisica; l'euforia collettiva, quando Ŕ causata da eventi gratificanti, Ŕ una forma di socialitÓ che rafforza il gruppo, lo celebra per autocelebrare ed esaltare se stessi.
Sempre guardando le foto di esempio, notiamo alcuni elementi di somiglianza anche se - ripeto - i motivi della festa sono diversi:

  • la moltitudine: il gruppo si ritrova numeroso e richiama a se altre persone;
  • la piazza: si festeggia in uno spazio comune, centrale e aperto;
  • prevalenza maschile: probabilmente per questioni culturali, visto che il calcio Ŕ uno sport seguito prevalentemente dagli uomini e visto che in paesi come la Libia la condizione della donna Ŕ molto diversa da quella dell'uomo.

Deve esserci un istinto innato nell'uomo che spinge moltitudini di persone in un unico luogo per festeggiare un risultato calcistico che ciascuno ha appreso dalla tv nel salotto o al bar: spettatori chiusi in casa davanti al televisore che poi corrono in piazza sapendo che lÓ ce ne saranno degli altri come loro; sostenitori di una forza politica che fanno del loro voto anonimo un orgoglio da mostrare a tutti, soprattutto ai vinti.
Da e verso la piazza si arriva a piedi o in auto suonando il clacson festosamente, con addosso i colori del vincitore.

Deve esserci un motivo antropologico se a queste manifestazioni di euforia collettiva c'Ŕ una forte prevalenza maschile; d'altro canto, non riesco a pensare a una forma di euforia collettiva di sole donne, pi¨ inclini - loro - all'isterismo collettivo: basta pensare alle ragazzine urlanti dietro a un cantante pop o a una boy-band (avete presente Justin Bieber o i Beatles?).
Nella storia dell'umanitÓ, la difesa del gruppo e l'organizzazione sociale, come la stessa parola patria dimostra, sono state e sono questioni maschili. Sul calcio, per come Ŕ diffuso e popolare, sono oggi riversati questi comportamenti sociali un tempo o in altre circostanze riservate per funzioni pi¨ serie.

Immagini sky.it, asianews.it

Dettagli: 06/05/2012 · 1772 view

About me

Sono Antonio Picco. Ogni tanto pubblico qualcosa qui, non più tanto spesso, ma mai per caso. Lo faccio dal marzo del 2003.
Da allora, ho mantenuto lo stesso approccio al Web, nonostante gli effetti nocivi che la società ha riversato sulla Rete in modo entusiastico e incontrollato.
Scrivo soprattutto per commentare le dinamiche del Web e dei social network, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari e il desiderio obbligatorio di spettacolarizzazione dell'osceno che deve piacere anche a te, se già piace a tutti gli altri.