Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Recensioni > Le buone nuove di Mario D'Alio

Le buone nuove di Mario D'Alio

mario-dalio-scaldami-video (29K)

Un disco interamente ispirato all'amore e al compiacimento di un sentimento sereno, inesauribile, cercato e trovato accanto alle persone più importanti nella vita di un uomo.

Mario D’Alio

La prima fatica musicale di Mario D'Alio è Buone nuove, un EP con cinque brani inediti, che ha realizzato in coproduzione con Indigeno Studio di Jorge Blengino. Il disco è promosso dall'ufficio stampa Kosmo Label Eventi.

La storia di Mario comincia più indietro nel tempo con i Clovers, la band - ormai sciolta - con cui ha partecipato a diverse manifestazioni musicali, facendosi conoscere con il brano La nostra storia.

Segui Mario D'Alio su Facebook.

Buone nuove

mario-dalio-copertina-ep (129K)

Il disco contiene cinque brani con testi in italiano.

Risaltano i testi, regolari, discorsivi, personali. Il brano che dà il titolo al disco, Buone nuove fa del testo il punto di forza, incatenando un verso dietro l'altro senza dimenticare le parole preferite dalla canzone italiana: cuore, amore, dolore.

Si distingue nel disco la canzone al numero tre della track list, Io sono qui. Parla di una storia d'amore finite, chiusa - appunto - con la parola fine che trova assonanza a poche parole di distanza con bene. Il brano trasmette positività ed è apprezzabile il ritmo e il maggior respiro dato al testo grazie a inserzioni strumentali più spaziose.

Il testo si fa di nuovo predominante, per una sorta di horror vacui, in Mio figlio. Sinceramente, dopo la parola impegnativa, di sei sillabe, indescrivibili, mi aspettavo un espediente inedito in modo da formare almeno un'assonanza.

Scaldami

Il disco, interamente ispirato all'amore e al compiacimento di un sentimento leale e duraturo, comprende Scaldami. Il brano è accompagnato da un video che è stato pubblicato su YouTube lo scorso 14 dicembre. Ad oggi, ha accumulato oltre 1500 visualizzazioni.

Il brano propone un ripetuto schema metrico: un attacco con una parole sdrucciola, una piccola pausa, e nove sillabe ad andamento giambico. Lo schema regolare è l'occasione di interessanti trovate, come in curami, se è una malattia sognare.

Dettagli: Recensioni · 04/03/2018 · 188 view

About me

Sono Antonio Picco e mi piace commentare le dinamiche di Twitter e di Facebook, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari, ma parlo anche di musica e tv.
On-line dal 2003. Memorabile.
Su Wikipedia sotto la voce di sito internet superfighissimo.