Le parole sono di tutti e le opinioni si condividono

Cerca per parola:  

Sei qui: Home > Recensioni > Nei Nowhere ci sono sentimenti carichi di contrasti

Nei Nowhere ci sono sentimenti carichi di contrasti

nowhere-band (43K)

I Nowhere pubblicano il loro primo EP con cinque canzoni dai testi carichi e dall'interpretazione curata, volta a raggiungere il coinvolgimento emozionale dell'ascoltatore.

Nowhere

I Nowhere sono Danilo Niola (voce), Andrea Pecoraro (chitarra solista), Diego Molinari (chitarra ritmica), Francesco Conzadori (basso), e Alessandro Massa (batteria e cori). La band si è formata nel 2015 a Brescia.

Iniziano suonando cover ed esibendosi nei locali della zona, ma da subito affermano la loro identità musicale ed artistica e lavorano a Where We Belong, il primo EP di inediti registrato negli studi di Indiebox Music Hall a Brescia da Giovanni Bottoglia, nel luglio 2016.

Il 6 febbraio pubblicano il videoclip di Dreams, il primo singolo estratto dall'EP.

Segui i Nowhere su Facebook.

Where We Belong

In Where we belong sono raccolte cinque canzoni con sonorità rock e la band si colloca nella talentuosa scena metal di Brescia e dintorni.

I testi, in inglese, sono carichi di parole e sono interpretati col giusto carattere: seguendo un climax emozionale regolato dai riff di chitarra, l'ascoltatore ne è coinvolto. Quando serve, le parole sono rabbiosamente ringhiate come in Death Belong to Us o spillate con delicatezza come in Follow the Highway.

In Seven la ricerca sulla resa del cantato arriva ad alterazioni della voce che non è più umana, ma sembra evocata da profondità ben radicate.

Dreams

Il video di Dreams è stato pubblicato lo scorso 6 fabbraio ed è stato diretto da Luca Rapuzzi.

Dreams parla del dolore a cui è condannato chi perde una persona cara. Il protagonista del video è un padre, condannato a scontare il dolore per la scomparsa della compagna e anche alla responsabilità di dover crescere la giovane figlia.

Il ritratto che i Nowhere fanno è quello di un uomo che si ritrova progioniero del suo stesso passato perché non accetta il finale che è stato deciso per lui dal destino. Certe cose non si possono scegliere e non c'è gesto estremo che possa cambiare il corso della storia. Non far fronte al proprio destino è come per un attore rinunciare alla parte assegnata, senza però potersi proporre per una nuova parte.

Dettagli: Recensioni · 15/03/2017 · 312 view

About me

Sono Antonio Picco e mi piace commentare le dinamiche di Twitter e di Facebook, i discorsi impegnati, gli spot pubblicitari, libri, musica e la tv.
On-line dal 2003. Memorabile.
Su Wikipedia sotto la voce di sito internet superfighissimo.